Fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata

fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata

Glossario A A flatossina : sostanza tossica prodotta da un click here che puo' crescere in alcuni tipi di alimenti, quali cereali e frutta secca, che non siano stati correttamente conservati. Ablazione con laser : per via endoscopica consiste nell'introduzione nell'organismo di uno strumento detto endoscopioin grado di emettere un raggio laser. Il laser e' un fascio di luce ad alta energia, che puo' essere usato come bisturi. Ablazione con radiofrequenza : consiste nell'utilizzo di un ago-elettrodo che, corrente elettrica e in alcuni casi introdotto direttamente attraverso la cute con un'anestesia locale; in altri fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata, invece, l'ago e' introdotto attraverso un'incisione nella parete addominale, richiedendo l'anestesia generale e, di conseguenza, una breve degenza. Acceleratore lineare : sofisticata macchina in grado produrre radiazioni ad alta energia, utilizzata in radioterapia per il trattamento dei tumori dall'esterno. Actinomicina D : farmaco antibiotico antitumorale usato nel trattamento delle neoplasie dell'eta' pediatrica, dei sarcomi e fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata neoplasie del testicolo. E' conosciuto anche come dactinomicina o DTAC Acuto : aggettivo utilizzato nella descrizione di ogni sensazione intensa come il dolore o nella descrizione di una malattia con rapida insorgenza, sintomi gravi e breve durata. Adenina : una delle 4 basi azotate che compongono il DNA Adenocarcinoma : Tumore maligno epiteliale con aspetti ghiandolari o derivante da tessuto epiteliale ghiandolare Adenoma : corrisponde ad una formazione di cellule tumorali benigne, ben fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata, con scarsa propensione a trasformarsi in maligne fatta eccezione per alcuni adenomi bronchiali Adenomatosi : Presenza di adenomi multipli. Adiuvante terapia : Trattamento che viene effettuato dopo un intervento chirurgico radicale per tumore allo scopo di distruggere le eventuali metastasi microscopiche e quindi aumentare la percentuale di guarigione. Sinonimo: terapia complementare. Adriamicina : Farmaco chemioterapico appartenente al gruppo delle antracicline, utilizzato per la terapia di varie neoplasie tra cui leucemie, linfomi, sarcomi ossei e delle parti molli, carcinoma mammario, ovarico, vescicale, gastrico e polmonare AFP alfa-fetoproteina : marcatore tumorale del quale si osservano livelli source soprattutto nei pazienti con carcinoma epatico ed anche in determinati tumori germinali Agoaspirato : tipo di biopsia. Si opera un prelievo di cellule da una lesione mediante aspirazione con un ago. Attraverso una puntura praticata nella cute, l'operatore introdurra' un ago sottile, che fara' scorrere fino al punto desiderato, dove prelevera' un campione di tessuto sospetto o di liquido, che inviera', quindi, in laboratorio per analizzarlo al microscopio e accertare l'eventuale presenza di cellule neoplastiche. Quando il prelievo viene effettuato in una sede profonda deve essere eseguito sotto monitoraggio radiologico o ecografico. Agobiopsia : v.

LÕesame clinico deve documentare la corrispondenza tra la sede delle lesioni e le proiezionidel dolore. La ripresa di tali terapie mediche deve avvenire almeno a settimane di distanza dalla somministrazionedi radioisotopi, per evitare una severa mielosoppressione.

Ingenere, la ripresa midollare avviene in un per iodo da 4 a 6 settimane, se la riserva midollare conservata. Concomitanti trattamenti con bifosfonati possono ridurre la captazione di questi radionuclidi nelle metastasi osseee ridurre lÕeffetto di palliazione del dolore. NellÕambito dei farmaci attivi nel trattamento del carcinoma prostatico annoveriamo estramustina, antraciclinee mitoxantrone, ciclofosfamide, etoposide, alcaloidi della vinca e go here. Numerosi studi di fase II pubblicati,pochi gli studi randomizzati.

Non vituttavia, differenza per quanto attiene a remissioni obiettive e durata delle medesime. Le combinazionipi promettenti sono quelle di estramustina con taxani; studi randomizzati di fase III volti a dimostrarne lÕefficaciaterapeutica sono attualmente in corso. Pi di recente sono stati completati studi di fase III con somministrazionesettimanale o trisettimanale con taxotere in mono-somministrazione o in associazione con estramustinache hanno dimostrato per la prima volta un beneficio in termini di sopravvivenza nei pazienti ormonorefrattari.

Da quanto sopra esposto, si evince come vi sia un razionale per lÕimpiego dei bifosfonati nel trattamento delcarcinoma prostatico metastatico.

NellÕambito dei bifosfonati attualmente disponibili in commercio, lÕacidozoledronico il pi potente. Recentemente sono stati pubblicati i fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata di uno studio di fase III che ha reclutato pazienti con metastasi ossee, randomizzati a ricevere, in doppio cieco, acido zoledronico ai dosaggidi 4 e 8 mg e placebo.

Analgesici oppioidi: morfina e derivati. Analgesici adiuvanti: corticosteroidi, neurolettici, benzodiazepine, antidepressivi triciclici, anticonvulsivanti, clonidina.

Il razionale e sequenzialeimpiego dei mezzi a disposizione fondamentale per sfruttare al meglio il potenziale terapeutico dellesingole risorse, minimizzando gli effetti source e i costi. Molti dei protocolli in uso sono tuttoras fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata imentali. Pertanto, a prescindere dallÕesame clinico che fondamentale, lÕandamento del PSA considerato un indice abbastanzafedele del decorso della malattia.

America miglore cancro prostata

Se si riscontrano livelli dosabili di PSA dopo prostactetomia radicale consigliabile eseguire prelievi seriati, e sei livelli del PSA rimangono stabili probabile che non si tratti di malattia residua, ma di residui di tessuto prostaticoo eventualmente di tessuti extraprostatici; se invece i livelli di PSA tendono ad incrementare, ipotizzabilela presenza di malattia residua. Da notare che un rapido incremento del PSA indica, in fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata, la presenza di metastasi a distanza, mentre unincremento lento o tardivo potrebbe indicare una ripresa locale di malattia.

Oltre lÕesplorazione rettale sono importanti, per il completamento diagnostico, lÕecografia transrettale e lÕeventuale biopsia. Eventuali metastasi possono essere evidenziate con le diagnostiche per immagini. Il fallimento terapeutico viene evidenziato da tre rialzi consecutivi. In linea di massima source il livello del PSA fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata stabile sui livelli raggiunti al nadir improbabile una progressionedi malattia a meno che lÕistologia della neoplasia non sia scarsamente differenziata in tal caso il marcatoredebolmente prodotto.

Ripetizione degli altri accertamenti a domanda. In ogni caso, le indagini strumentali, che recentemente vengono talora affiancate dalla PET e talvolta anche daindagini pi invasive cistoscopia con biopsia in sede di anastomosi; biopsia ecoguidata di lesioni per ianastomotiche;biopsie prostatiche trovano comunque indicazione dopo avere ricontrollato lÕaumento dei valori basalidi PSA dopo 8 settimane.

I programmi di riabilitazione possono comprendere: gli esercizi di Kegel per il pavimento pelvico,la riabilitazione comportamentale, il biofeedback e lÕelettrostimolazione del muscolo elevatore dellÕano con sondarettale, ognuno di questi step necessita di una costante interazione con per sonale specializzato. Ai pazienti sottoposti aPR nerve sparing bilaterale si somministra terapia orale con inibitori della PDE5 per la durata di 3 mesi.

Ai pazientisottoposti a PR nerve sparing monolaterale si somministra terapia orale con inibitori della PDE5 in asso European Association of Urology, Linee Guida per il carcinoma prostatico: diagnosi, stadiazione e follow-up. Settembre Febbraio Advisory Committee on Cancer Prevention: Position pa per. Recommendations on cancer screening in European Union. Eur JCancer ; Int J Biol Markers ; J Urol ; Suppl : Eur Radiol ; 6: Wefer AE, Vigneron DB, Coakley FV, et al: Sexant localization of prostate cancer: comparison of sextant biopsy, magnetic resonanceimaging and magnetic resonance spettroscopy imaging with step section histology.

J Urol ; Horiguchi A, Nakashima J, Horiguchi Y, et al: Prediction of extraprostatic cancer by prostate specific antigen density, endorectalMRI, and biopsy Gleason score in clinical localized prostate cancer. Prostate ; Presti JC Jr: Prostate biopsy: how many cores are enough? Urol Oncol ; American Joint Committee on Cancer. Prostate sarcomas and transitional cell carcinomas are not included : Fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata cancerstaging manual, 6th ed.

New York, Springer-Verlag, ; Imaging RM della prostata dopo terapie radianti. Imaging RM della prostata dopo brachiterapia o crioterapia. Imaging molecolare. Impiego dei mezzi di contrasto intravascolari. Metabolomica e spettroscopia RM multinucleo. Back Matter Pages L'operatore inserisce delicatamente attraverso il naso o la bocca un tubo flessibile detto broncoscopiodotato all'estremita' di un apparato illuminante, tramite il quale puo' esaminare accuratamente la parte interna dei polmoni.

La broncoscopia si esegue di solito in ospedale.

Dolore pelvico ipmo

Prima dell'esame, vi verra' somministrato direttamente in gola un anestetico locale, per evitare che avvertiate anche il minimo fastidio, tranne forse una certa pressione.

Nella stessa sede l'operatore potra' eseguire una biopsia v. Burkitt linfoma di : Linfoma Non Hodgkin quasi sempre associato al virus di Epstein-Barr, caratteristico dell'eta' pediatrica e diffuso prevalentemente in Africa centrale.

Bypass biliare : tecnica chirurgica che si esegue nel caso in cui il tumore ostruisca l'intestino tenue, con conseguente accumulo di bile nella cistifellea. Il chirurgo incidera' la cistifellea, o il dotto biliare, e a colleghera' all'intestino tenue, aggirando in tal modo la parte di intestino ostruita dal tumore Bypass gastrico : tecnica chirurgica che si esegue nel caso in cui il tumore ostruisca il passaggio del cibo proveniente dallo stomaco.

Il chirurgo potra' collegare lo stomaco direttamente all'intestino tenue, consentendo in tal modo al paziente di continuare a nutrirsi normalmente. Da' il nome all'analisi del sangue che misura il livello di tale sostanza.

Cancerogeno : qualsiasi elemento fisico, chimico, ambientale che puo' concorrere alla genesi e allo sviluppo del cancro. Cancro : sinonimo di tumore maligno Carcinoide : Tumore poco frequente appartenente al gruppo degli apudomi, localizzato a livello dell'appendice con comportamento spesso benigno oppure meno frequentemente a livello dell'intestino tenue, dei bronchi, del pancreas, del colon e del retto con comportamento spesso maligno. Il carcinoide puo' secernere serotonina ed altre sostanze, che sono responsabili dell'insieme di sintomi e segni denominato sindrome da carcinoide.

Carcinoma duttale in situ DCIS : forma cancerosa, non invasiva, che origina nei dotti mammari. Le cellule atipiche non si sono diffuse al di fuori dei dotti invadendo altre parti della ghiandola mammaria. In alcuni casi, questa forma di tumore puo' evolvere in forma infiltrante, con conseguente invasione del tessuto circostante, anche se non e' ancora possibile prevedere quali lesioni diventeranno infiltranti; Carcinoma lobulare in fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata LCIS : forma di tumore che origina nei lobuli mammari.

Raramente evolve in forma invasiva; tuttavia, in presenza di tale neoplasia, aumenta il rischio di sviluppare un tumore nella mammella controlaterale. Carcinomi : sono tumori maligni che derivano dalle cellule degli epiteli di rivestimento della cute e di apparati come bocca, esofago, stomaco, intestino, fegato, polmone, rene, vescica, pancreas e apparato genitale Cavità pleurica : spazio tra i polmoni e la parete toracica.

CEA : antigene carcinoembrionario, una sostanza presente nel sangue che potrebbe aumentare in presenza di un tumore, prima dell'inizio del trattamento. Da' il nome al l'analisi del sangue che misura il livello di tale antigene. Il CEA e' prodotto sia dalle cellule neoplastiche, sia da quelle normali.

Se la sua concentrazione e' superiore alla norma, cio' puo' essere il segno della presenza di un tumore del colon o di altre patologie. Cellula : la piu' piccola componente di un organismo vivente che puo' svilupparsi e riprodursiindipendentemente Cellule staminali periferiche : cellule immature da cui originano tutte le cellule ematiche.

Cervice : l'estremita' inferiore e stretta dell' utero v. Chemioembolizzazione dell'arteria epatica : trattamento chirurgico c onsistente nella chiusura dell' arteria epatica il piu' importante vaso sanguigno che alimenta il fegato e nella successiva somministrazione dei chemioterapici tra questo punto di ostruzione e il fegato, usando in tal modo le arterie epatiche per veicolare i farmaci a tutto il fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata.

Solo una minima parte di farmaco raggiunge le altre parti dell'organismo. L'ostruzione puo' essere temporanea o permanente, a seconda della modalita' con sui si blocca l'arteria. Il fegato continua ad essere irrorato attraverso la vena porta, che trasporta il sangue dallo stomaco e dall'intestino. Chemioprevenzione : somministrazione di farmaci allo scopo di prevenire la fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata di un tumore.

Chemioprofilassi : somministrazione di farmaci, vitamine e a ltre sostanze allo scopo di ridurre il rischio di sviluppare un tumore article source una recidiva. Chemioresistenza : resistenza all'azione di un farmaco. Chemioterapia : modalita' terapeutica che distrugge le cellule neoplastiche attraverso la somministrazione di farmaci, che possono essere assunti per bocca in forma di compresse, oppure iniettati per via endovenosa o intramuscolare.

In questi casi, la chemioterapia si definisce trattamento sistemicoperche' il farmaco entra nella circolazione sanguigna, si fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata nell'organismo e in questo modo puo' raggiungere e distruggere le fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata neoplastiche visit web page si sono diffuse a distanza.

Quando il farmaco chemioterapico e' somministrato direttamente nella colonna spinale, in una cavita' organica, quale l'addome, o in un organo, esso agisce principalmente sulle cellule neoplastiche presenti in quella regione. Questa modalita' di somministrazione si definisce chemioterapia loco-regionale. La maggior parte dei chemioterapici antitumorali disponibili uccide le cellule tumorali interferendo, con modalita' differenti, con la sintesi del DNA e, quindi, con la capacita' delle cellule di crescere e moltiplicarsi.

Anche la chemioterapia, come la radioterapia, puo' danneggiare cellule normali, in particolare quelle che si dividono piu' rapidamente. Si possono quindi avere effetti collaterali comprendenti perdita di capelli, nausea, vomito e anemia. La modalita' di attuazione della chemioterapia dipende dal tipo e dallo stadio del tumore ma anche in base alle condizioni generali del paziente.

La chemioterapia e' spesso usata in associazione a chirurgia e radioterapia per trattare tumori diffusi e recidive o nel caso in cui ci sia forte probabilita' di recidiva. Cheratosi : alterazione della pelle, caratterizzata da un ispessimento dello strato corneo dell'epidermide. Ci sono vari tipi di cheratosi. Quella definita attinica interessa soprattutto gli anziani o che si espone molto alle radiazioni solari.

E' una lesionebenigna.

fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata

Chirurgia : procedura tramite la quale si rimuove il tumore e si accerta quanto esso si sia diffuso. Cistectomia radicale : intervento demolitore tramite il quale il chirurgo rimuove la vescica, i fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata e i linfonodi adiacenti. Si esegue quando il tumore ha invaso la parete muscolare o quando il tumore superficiale coinvolge una grossa porzione di vescica.

Cistectomia segmentale : intervento di asportazione della porzione di vescica interessata dal tumore. Si esegue su pazienti che hanno un tumore a basso grado di malignita', che ha invaso la parete della vescica, ma e' circoscritto ad un'area della vescica stessa.

Cisti : e' una formazione congenita o sviluppatasi negli anni che si ritrova in organi e tessuti diversi. E' costituita da una membrana connettivale, al cui interno si possono trovare sebo, liquido ed altri elementi a seconda del tipo e della sede.

Cistoadenocarcinoma : Tumore maligno epiteliale caratterizzato dalla presenza di masse cistiche. Cistoscopia : procedura che consente di visualizzare direttamente le strutture interne della vescica attraverso un tubo sottile dotato anche di apparato illuminante detto cistoscopio, che viene inserito nella vescica attraverso l'uretra.

Durante questo esame e' possibile eseguire un prelievo di campioni di tessuti per la biopsia. Citologia : studio delle cellule al microscopio per studiarne il tipo e per rilevare la presenza di cellule atipiche.

Citosina : una delle 4 basi azotate che compongono il DNA. Clark livelli di : Livelli di infiltrazione cutanea del melanoma. Si tratta di cinque livelli ad ognuno dei quali corrisponde progressivamente l'interessamento di strati cutanei piu' profondi da parte del melanoma.

Clisma opaco con bario : serie di radiografie per la visualizzazione dell'apparato gastro-digerente. Il bario v. Il bario puo' essere somministrato in forma liquida per via orale oppure introdotto nel colon attraverso l'ano.

Una volta ottenuta una buona distribuzione del bario si fa la radiografia, che mette in luce eventuali formazioni anomale sulla parete come polipi o ulcere. CLL : v. Clonazione : tecnica sperimentale di biologia molecolare per produrre copie identiche di molecole, cellule o organismi. Clone : popolazione di cellule o organismi aventi lo stesso genoma, perche' derivati click the following article un progenitore comune.

CML : v. Codice genetico : e' la lingua in cui sono scritte le istruzioni di montaggio delle proteine. Ha un alfabeto di sole quattro lettere: A adeninaC citosinaG guanina e T timina. Combinando tre a tre queste lettere si ottengono le parole che, nel linguaggio della cellula, corrispondono agli aminoacidi. Codone : unita' del codice genetico costituita da una sequenza di tre nucleotidi adiacenti tripletta che indica un determinato aminoacido.

Colangiocarcinoma : Tumore maligno poco frequente che origina dall'epitelio dei dotti biliari. Colangiografia transepatica percutanea PTC : tecnica radiografica che consente di visualizzare il fegato e i dotti biliari. L'operatore introd urra' attraverso il fianco destro un ago sottile nel fegato e tramite questo iniettera' il mezzo di contrasto che gli permettera' di visualizzare meglio eventuali ostruzioni ai raggi X.

Per ridurre l'eccesso di bile da cui deriva l'ittero v. Quest'esame si esegue solo nel caso in cui non sia possibile effettuare l'ERCP v. Colangiopancreatografia retrograda endoscopica ERCP : tecnica radiografica che consente di visualizzare i dotti che trasportano la bile dal fegato alla cistifellea e dalla cistifellea al duodeno. Talvolta il cancro del pancreas provoca un restringimento dei dotti, con occlusione o rallentamento del flusso biliare e conseguente comparsa di ittero.

L'operatore introdurra' delicatamente un tubo sottile attraverso la gola fino a raggiungere lo stomaco e poi il duodeno; egli introdurra' quindi, un catetere o tubo sottile fino a raggiungere i dotti biliari e pancreatici. In fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata modo potra' visualizzare gli organi fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata e introdurre nel dotto pancreatico il mezzo di contrasto, che consente di vedere ancora piu' chiaramente la regione alla radiografia.

L'operatore avra', inoltre, la possibilita' di prelevare un campione di cellule da esaminare al microscopio e anche di rimuovere un'eventuale ostruzione dei dotti causata dalla presenza del tumore; Colite ulcerosa : formazione di ulcere sulla mucosa che riveste l'intestino crasso. Colonscopia : procedura che consente di visualizzare le strutture interne del colon e del retto. L'operatore inserisce delicatamente attraverso l'ano una sonda a fibre ottiche contenute continue reading un tubo flessibile, detto colonscopiotramite il quale puo' esaminare accuratamente tutto il colon e il retto.

Here accerti la presenza di un polipo o di altro tessuto anomalo, puo' asportarlo tutto o in parte biopsia incisionale ed click in laboratorio per l'esame istologico al microscopio. Colonscopia virtuale : utilizza le immagini acquisite mediante la TAC V. Un computer elabora le immagini per ottenere rappresentazioni dettagliate che consentano di accertare la presenza di polipi o di altro tessuto anomalo sulla parete interna del colon.

fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata

fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata

Si chiama anche colonografia o colonografia computerizzata in quanto le fibre ottiche illuminano la parte da esaminare e rimandano le just click for source su di uno schermo esterno. Colostomia : intervento chirurgico cui il chirurgo ricorre in presenza di tumori del colon-retto nel caso in cui non possa eseguire l' anastomosi v.

Egli fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata nella parete addominale uno stoma v. In alcuni casi la colostomia e' provvisoria, ossia sara' lasciata in situ soltanto fino a che la parete del colon non sara' ritornata alle condizioni normali; se, invece, il chirurgo deve necessariamente asportare tutta la porzione inferiore del colon, la stomia sara' permanente. Colposcopia : procedura che consente di visualizzare le strutture interne della vagina e della cervice per individuare eventuali anomalie.

Si esegue inserendo attraverso la vagina un tubo sottile, detto colposcopiodotato all'estremita' di apparato illuminante. Durante la colposcopia e' anche possibile prelevare campioni di tessuto da sottoporre a biopsia V.

Condrosarcoma : tumore maligno che origina da tessuto cartilagineo, frequentemente localizzato a livello delle ossa please click for source, del femore o dell'omero.

Conizzazione : intervento tramite il quale si asporta dalla cervice e dal canale cervicale una porzione di tessuto a forma di cono. Il campione sara' quindi analizzato in laboratorio al microscopio per rilevare l'eventuale presenza di cellule atipiche.

La conizzazione puo' essere attuata ai fini diagnostici o terapeutici. Cordectomia : asportazione delle corde vocali. E' una delle neoplasie germinali. Sinonimo: corionepitelioma. Craniotomia : intervento di apertura della scatola cranica. Criochirurgia : tecnica chirurgica che sfrutta l'azione necrotizzante di temperature molto basse per distruggere il tessuto atipico, come il carcinoma in situ tumore che interessa solo le cellule da cui e' originato e che non si e' propagato ai tessuti adiacenti.

La procedura puo' essere eseguita sotto controllo ecografico; Crioterapia : v. Cromosoma : lungo filamento di DNA che porta centinaia o migliaia di geni. L'Uomo ha 23 coppie di cromosomi, contenuti nel nucleo di ogni cellula. Curettage endocervicale : procedura fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata consiste nel prelievo di cellule o di tessuto dal canale cervicale utilizzando una curetteuno strumento simile a un piccolo cucchiaio. I campioni cosi' ottenuti possono essere sottoposti ad analisi istologica.

A volte, il curettage e' eseguito contemporaneamente alla colposcopia. Delezione : perdita di una porzione di genoma di dimensioni variabili: da una singola base azotata, a uno o piu' geni, fino a un intero segmento di cromosoma.

Determinazione dei parametri ematochimici : serie di analisi del sangue mirante a determinare i livelli di certe sostanze liberate da alcuni organi e tessuti dell'organismo. Un valore alterato di una data sostanza puo' essere segno di malattia nell'organo o tessuto che la produce. Deviazione urinaria : creazione di una via alternativa per la ritenzione e l'evacuazione dell'urina. Diaframma : esile muscolo che separa il torace dall'addome localizzato piu' in basso rispetto ai polmoni e al cuore.

Diagnosi precoce : viene definita cosi' la diagnosi effettuata nelle fasi iniziali di sviluppo della malattia. L'individuazione precoce di un tumore offre non soltanto maggiori possibilita' di cura, ma permette anche di attuare interventi meno aggressivi e di assicurare una migliore qualita' di vita.

Esempi di strumenti di diagnosi precoce sono il Pap-test per il carcinoma della cervice uterina, la mammografia per il carcinoma della mammella, la dermoscopia e l'analisi della cute per il melanoma e i carcinomi della pelle, il sangua occulto nelle feci per il tumore intestinale.

Diatermocoagulazione : attraverso il calore si ottiene la coagulazione o la distruzione di just click for source malati. Viene utilizzato l'elettrobisturi. Disgerminoma : Tumore germinale ovarico poco frequente, tipico delle giovani donne.

Displasia : questo termine medico indica un cambiamento microscopico dell'aspetto di alcune cellule di un determinato tessuto: queste cellule hanno un aspetto che, pur non essendo quello normale, non e' neanche di tipo canceroso. Le cause di questi cambiamenti di forma possono essere diverse, come per esempio un'infiammazione in atto o cronica, oppure l'esposizione a certe sostanze chimiche.

Tuttavia le displasie possono anche rappresentare l'anteprima di una trasformazione tumorale, una condizione pre-cancerosa: per questo e' bene tenerle sotto controllo. Quando un esame istologico rileva questo tipo di cambiamenti, e' lo specialista che decide come e quanto andare a fondo, anche sulla base di altri segni e sintomi riscontrati dal paziente.

Dissezione ascellare : asportazione dei linfonodi ascellari in presenza di tumore. Puo' essere completa o parzialerispettivamente asportando tutti o alcuni dei linfonodi ascellari, sui quali si eseguira' l'esame istologico. Dissezione linfonodale : procedura per mezzo della quale i linfonodi sono isolati e rimossi e quindi analizzati dall'anatomo-patologo al microscopio al fine di accertare l'eventuale presenza di cellule atipiche.

DNA : acido desossiribonucleico. Molecola che contiene le informazioni genetiche della maggior parte degli organismi viventi.

E' formata da quattro basi azotate adenina, citosina, guanina e timinacollegate tra loro a formare un filamento a doppia elica. Dosaggio dei recettori per l'estrogeno e per il progestinico : analisi che misura i livelli dei recettori per gli ormoni estrogeno e progestinico presenti nel tessuto neoplastico.

In presenza di tumore della mammella, si analizza in laboratorio un campione di tessuto neoplastico allo scopo di stabilire se l'estrogeno o il progestinico possono influire sulla crescita tumorale Sulla base dei risultati, l'oncologo potra' decidere se l'attuazione di una terapia ormonale puo' bloccare la crescita del tumore. Duodeno : prima parte dell'intestino tenue. Duodenocefalopancreasectomia : resezione della testa del pancreas, della cistifellea, di una porzione dello stomaco e di una porzione dell'intestino tenue e del dotto biliare.

La porzione residua del pancreas sara' sufficiente per continuare a produrre i succhi digestivi e l'insulina. Ecoendoscopia : tecnica che associa l'immagine endoscopica - ottenuta attraverso l'introduzione di un tubo sottile detto endoscopiodotato all'estremita' di un apparato illuminante - alla scansione dell' ecografiaindagine diagnostica che sfrutta le rifrazioni degli ultrasuoni per visualizzare le strutture interne dell'organismo.

Le riflessioni formano un'immagine dei tessuti corporei che si definisce sonogramma. Ecografia : indagine diagnostica che permette di analizzare alcune parti del corpo, come gli organi interni, utilizzando onde sonore ad alta frequenza, dette ultrasuoni emesse da una particolare sonda.

Ogni tipo di tessuto, fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata base alla sua densita', assorbe o riflette una parte degli ultrasuoni. Una lieve cistita attinica con disturbi minzionali irritativi o una lieve proctite sono disagi non rari nei mesi successivi al trattamento, ma di solito si risolvono senza reliquati con l'ausilio di blandi antinfiammatori.

Anche le tecniche radioterapiche provocano, come è facile intuire, lesioni ai nervi erettori che decorrono a stretto contatto con la prostata, con percentuali di disfunzione erettile molto alte nel caso della radioterapia esterna, meno nel caso della brachiterapia. Ma non tutti i pazienti possono essere sottoposti a qualsiasi trattamento.

Per prevenire questi eventi è indispensabile una attenta valutazione pretrattamento, e nel caso si ravvisasse una condizione di ostruzione significativa, è consigliabile prima di una radioterapia esterna l'intervento endoscopico disostruttivo una dilazione di qualche mese di norma non influisce sulla prognosi.

La brachiterapia invece dovrebbe essere evitata del tutto in pazienti con ostruzione prostatica e prostate di elevato volume. I risultati oncologici delle metodiche radioterapiche sono molto buoni, fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata sopravvivenze confrontabili con la chirurgia nei primi 5 anni; a lungo termine si evidenzia invece un vantaggio in termini di sopravvivenza nei pazienti trattati con prostatectomia radicale. Da quanto detto si comprende come la scelta del trattamento debba necessariamente tenere conto di numerosi fattori, tra cui le condizioni generali e le comorbilità, l'età, l'aspettativa di vita, la conformazione fisica, la stadiazione della malattia, le preferenze del paziente: è una decisione che urologo e paziente, adeguatamente informato, devono prendere insieme.

I farmaci utili a tagliare l'azione trofica degli androgeni sul tessuto prostatico appartengono a due grosse categorie: i farmaci che bloccano la produzione testicolare di testosterone e i farmaci che, pur non influendo sui valori di testosterone circolanti, ne bloccano l'azione sul recettore prostatico. Il blocco della produzione testicolare di testosterone si ottiene bloccando a monte l'asse ipotalamo-ipofiso-gonadico. E' qui necessario qualche richiamo di fisiologia. L'ipotalamo produce un ormone, LH-RH LH Releasing Hormone che raggiunge direttamente l'ipofisi e la stimola a produrre LH; LH rilasciato nel circolo sanguigno raggiunge il testicolo e induce la produzione di testosterone da parte delle cellule di Leydig.

La caduta dell'increzione di LH si traduce nella sospensione della produzione di testosterone da parte del testicolo. Gli LHRH analoghi disponibili fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata commercio sono veicolati in impianti a lento rilascio somministrabili iniettivamente con siringhe normali o dedicate per via intramuscolare o sottocutanea, e hanno una durata di 1, 2 o 3 mesi.

L'utilizzo del solo antiandrogeno, invece, è molto poco frequente e va riservato a casi particolari. Gli antiandrogeni si dividono in due classi in base alle modalità con cui agiscono sul recettore, gli antiandrogeni competitivi ciproterone acetato e gli antiandrogeni non competitivi flutamide, bicalutamide ; l'assunzione è per via orale.

Il degarelix viene somministrato per via sottocutanea in due dosi iniziali di mg, poi seguite fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata somministrazioni di mantenimento mensili di 80 mg.

Le terapie ormonosoppressive hanno una serie di effetti indesiderati dovuti alla soppressione dell'azione androgenica ipogonadismo iatrogeno : disfunzione erettile, riduzione importante del desiderio sessuale, ipotrofia muscolare, osteoporosi, anemia, facile affaticabilità, ginecomastia, vampate di calore ecc.

Standard versus age-specific prostate specific antigen reference ranges among men with clinically localized prostate cancer: A pathological analysis. Combination of prostate-specific antigen, clinical stage, and Gleason score to predict pathological stage of localized prostate cancer. A multi-institutional update. The use https://touch.aggiustatutto.casa/minzione-frequente-frequente.php prostate specific antigen, clinical stage and Gleason score to predict pathological stage in men with localized prostate cancer.

Patel U, Rickards This web page. The diagnostic value of colour Doppler flow in the peripheral zone of the prostate, with histological correlation. Maximum androgen blockade in advanced prostate cancer: an overview of the randomised trials. Screening for carcinoma of the prostate by digital rectal examination in a randomly selected population.

BMJ ; [ Medline ]. Sextant prostate biopsies. A histopathologic correlation with radical prostatectomy specimens. Comparison of surgery alone with surgery and adjuvant radiotherapy for pT3N0 prostate cancer. BJU Int ; [ Medline ]. Phase I trial of docetaxel with estramustine in androgen-independent prostate cancer. Docetaxel and estramustine compared with mitoxantrone and prednisone for advanced refractory prostate cancer.

A phase II trial of oral estramustine and oral etoposide in hormone refractory prostate cancer. Phase III radiation therapy oncology group RTOG trial of androgen deprivation adjuvant to definitive radiotherapy in locally advanced carcinoma of the prostate. Preliminary results of a randomized radiotherapy dose-escalation study comparing 70 Gy with 78 Gy for prostate cancer. Impact of screening on incidence and mortality of prostate cancer in the United States. Prostate-specific antigen after anatomic radical retropubic prostatectomy.

Patterns of recurrence and cancer control. The extent and multicentricity of high-grade prostatic intraepithelial neoplasia in clinically localized prostatic adenocarcinoma. Hum Pathol ; [ Medline ]. Sexual function following radical prostatectomy: influence of preservation of neurovascular bundles. Factors predicting recovery fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata erections after radical prostatectomy. Diagnostic yield of repeated transrectal ultrasound-guided biopsies stratified by specific histopathologic diagnoses and prostate specific antigen levels.

Prostate-specific antigen: foto di pension erezione for staging prostate cancer and monitoring response to therapy. Mayo Clin Proc ; [ Medline ]. Three dimensional conformal radiotherapy for the treatment of prostate cancer: low risk of chronic fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata morbidity observed in a large series of patients.

Clinical significance of alterations of chromosome 8 in fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata, advanced, nonmetastatic prostate carcinoma.

Prostatite sessuale video gratuito

Phase II study of docetaxel, estramustine, and low-dose hydrocortisone fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata men with hormone-refractory prostate cancer: a final report of CALGB Cancer and Leukemia Group B. Scardino PT. The Gordon Wilson Lecture. Natural history and treatment of early stage prostate cancer.

Treatment of clinical local failure after radiation therapy for prostate carcinoma. Observations on the doubling time of prostate cancer. The use of serial prostate-specific antigen in patients with untreated disease as a measure of increasing cancer volume.

Early versus delayed endocrine treatment in pNM0 prostate cancer without local treatment of the fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata tumor. J Urol ; [Medline]. Neoadjuvant hormonal ablative therapy before radical prostatectomy: a review. Is it indicated? Can serum prostate-specific antigen replace bone scintigraphy in the follow-up of metastatic prostatic cancer?

Br J Radiol ; [ Medline ]. Small EJ, Srinivas S. The antiandrogen withdrawal syndrome. Experience in a large cohort of unselected patients with advanced prostate cancer. Major susceptibility locus for prostate cancer on chromosome 1 suggested by a genome-wide search. Science ; [ Medline ]. Neoadjuvant androgen ablation before radical prostatectomy in cT2bNxMo prostate cancer: 5-year results. Randomized prospective study comparing radical prostatectomy alone versus radical prostatectomy preceded by androgen blockade in clinical stage B2 T2bNxM0 prostate cancer.

Prostate cancer is highly predictable: a prognostic equation based on all morphological variables in radical prostatectomy specimens. Stamey TA. Click here the most out of six systematic sextant biopsies. Urinary and sexual function after radical prostatectomy for clinically localized prostate cancer: the Prostate Cancer Outcomes Study.

Tumora alla prostata e coagulazione del sangue del

An analysis of watchful waiting for clinically localized prostate cancer. Ten-year biochemical relapse-free survival after external beam radiation and brachytherapy for localized prostate cancer: the Seattle experience.

Docetaxel plus prednisone or mitoxantrone plus prednisone for advanced prostate cancer. Chemotherapy with mitoxantrone plus prednisone or prednisone alone for symptomatic hormone-resistant prostate cancer: a Canadian randomized trial with palliative end points.

Adjuvant and salvage radiotherapy after radical prostatectomy for prostate cancer. Urologe A ; [ Medline ]. TNM classification fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata malignant tumours.

Sobin LH, Wittekind Ch, editors. Radiation therapy after radical prostatectomy: a review of the issues and options. Radical prostatectomy as a monotherapy for locally advanced stage T3 prostate cancer.

Progression in and survival of patients with locally advanced prostate cancer T3 treated with radical prostatectomy as monotherapy.

Radical prostatectomy can provide a cure for well-selected clinical stage T3 prostate cancer.

Fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata

Treatment outcome with adjuvant and salvage irradiation after radical prostatectomy for prostate cancer. Impotence following radical prostatectomy: insight into etiology and prevention. Patient-reported urinary continence and sexual function after fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata radical prostatectomy.

American Institute of Cancer Research, Washington. Family history and prostate cancer risk in black, white, and Asian men in the United States and Canada. Prostatico 6 adenocarcinoma 4 stadio J Epidemiol ; [ Medline ].

Evaluation of patients with diseases of the prostate using prostate-specific antigen density. Yagoda A, Petrylak Fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata. Cytotoxic chemotherapy for advanced hormone-resistant prostate cancer. Clinical experience with intensity modulated radiation therapy IMRT in prostate cancer.

High dose radiation delivered by intensity modulated conformal radiotherapy improves the outcome of localized prostate cancer. Dose escalation with three-dimensional conformal radiation therapy affects the outcome in prostate cancer. Impact of transurethral resection on the long-term outcome of patients with prostatic carcinoma.

Role of early adjuvant hormonal therapy after radical prostatectomy for fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata cancer. Long-term 15 years results after radical prostatectomy for clinically localized stage T2c or lower prostate cancer. Zincke H. Glossario A A flatossina : sostanza tossica prodotta da un fungo che puo' crescere in alcuni tipi di alimenti, quali cereali e frutta secca, che non siano stati correttamente conservati.

Ablazione con laser : per via endoscopica consiste nell'introduzione nell'organismo di uno strumento detto endoscopioin grado di emettere un raggio laser. Il laser e' un fascio di luce ad alta energia, che puo' essere usato come bisturi. Ablazione con radiofrequenza : consiste nell'utilizzo di un ago-elettrodo che, corrente elettrica e in alcuni casi introdotto direttamente attraverso la cute con un'anestesia locale; in altri casi, invece, l'ago e' introdotto attraverso un'incisione nella parete addominale, richiedendo l'anestesia generale e, di conseguenza, una breve degenza.

Acceleratore lineare : sofisticata macchina in grado produrre radiazioni ad alta energia, utilizzata in radioterapia per il trattamento dei tumori dall'esterno. Actinomicina D : farmaco antibiotico antitumorale usato nel trattamento delle neoplasie dell'eta' pediatrica, dei sarcomi e delle neoplasie del testicolo.

E' conosciuto anche come dactinomicina o DTAC Acuto : aggettivo utilizzato nella descrizione di ogni sensazione intensa come il dolore o nella descrizione di una malattia con rapida insorgenza, sintomi gravi e breve durata.

Adenina : una delle 4 basi azotate che compongono il DNA Adenocarcinoma : Tumore maligno epiteliale con aspetti ghiandolari o derivante da tessuto epiteliale ghiandolare Adenoma : corrisponde ad una formazione di cellule tumorali benigne, ben differenziate, con scarsa propensione a trasformarsi in maligne fatta eccezione per alcuni adenomi bronchiali Adenomatosi : Presenza di adenomi fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata.

Adiuvante terapia : Trattamento che viene effettuato dopo un intervento chirurgico radicale per tumore allo scopo di distruggere le eventuali metastasi microscopiche e quindi aumentare la percentuale di guarigione. Sinonimo: terapia complementare. Adriamicina : Farmaco chemioterapico appartenente al gruppo delle antracicline, utilizzato per la terapia di varie neoplasie tra cui leucemie, linfomi, sarcomi ossei e delle parti molli, carcinoma mammario, ovarico, vescicale, gastrico e polmonare AFP alfa-fetoproteina : marcatore tumorale del quale si osservano livelli elevati soprattutto nei pazienti con carcinoma epatico ed anche in determinati tumori germinali Agoaspirato : tipo di biopsia.

Si opera un prelievo di cellule da una lesione mediante aspirazione con un ago. Attraverso una puntura praticata nella cute, l'operatore introdurra' un ago sottile, che fara' scorrere fino al punto desiderato, dove prelevera' un campione di tessuto sospetto o di liquido, che inviera', quindi, in laboratorio per analizzarlo al microscopio e accertare l'eventuale presenza di cellule neoplastiche.

Quando il prelievo viene effettuato in una sede profonda fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata essere eseguito sotto monitoraggio radiologico o ecografico.

Agobiopsia : v. Biopsia praticata con ago. Agonisti dell'LHRH ormone rilasciante l'ormone luteinizzante : ormoni che bloccano la produzione di testosterone nei testicoli.

Appartengono a questa classe leuprolerin, gosereline buserelin. Alcolizzazione percutanea : trattamento che causa la morte delle cellule neoplastiche attraverso l'immissione di etanolo alcool nel tumore.

Questa procedura puo' essere eseguita una o due volte a settimana. Generalmente si pratica in anestesia locale, ma se i tumori epatici sono numerosi si preferisce l'anestesia generale. Allele : ciascuna delle varie forme che puo' assumere un gene. Amartoma : Lesione benigna costituita da un'eccessiva e disorganizzata crescita di cellule e tessuti maturi normali nel contesto di un organo o tessuto Aminoacidi essenziali : sono gli aminoacidi che il nostro corpo non sa costruire.

Per questo deve procurarseli assorbendoli dal cibo Aminoacido : ciascuna delle 20 molecole che si combinano per formare una proteina. Aminoglutetimide fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata ormone che puo' bloccare gli androgeni prodotti nelle ghiandole surrenali. AML : v. Analisi delle urine : analisi di un campione di urine in laboratorio per determinarne il colore e il contenuto, misurando i livelli di glucosio, proteine e sangue e accertando l'eventuale presenza di batteri.

Anamnesi : compilazione della storia clinica del paziente con riferimento a malattie di cui ha sofferto e compilazione della storia clinica dei familiari stretti per evidenziare eventuali malattie che si ripetono es. Anastomosi : abboccamento tra due monconi di organi cavi, di solito intestino.

Anemia : eccessivo calo dei globuli rossi v. Anestetico locale : farmaco che ha l'effetto di rendere insensibile la zona in cui viene somministrato. Angiofibroma nasofaringeo : Tumore benigno del nasofaringe posteriore che predilige il sesso maschile nell'adolescenza Angiografia : chiamata anche arteriografia, just click for source una radiografia dei vasi fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata effettuata dopo aver inietta una sostanza mezzo di contrasto che li rende radioopachi.

Angioma : si tratta della proliferazione malformativa di vasi sanguigni, di tipo benigno. Da' luogo alla formazione di un cul de sac, dove si ferma il sangue, che rimane comunque collegato al sistema vascolare. Le cellule dell'angioma hanno scarsa propensione a trasformarsi in maligne Angiosarcoma : Tumore maligno che origina da vasi sanguigni see more da angiomi.

Annessiectomia : asportazione degli annessi, ossia dell'ovaio e della salpinge o tuba di Falloppio. Puo' essere unilaterale o bilaterale a seconda che si rimuovano gli annessi localizzati su un solo lato o su entrambi i lati. Ansa diatermica : v.

Antiandrogeni : ormoni che possono bloccare l'azione degli androgeni ormoni che promuovono le caratteristiche sessuali maschili. Anticorpi : sono proteine prodotte e liberate nel sangue dai linfociti B, che riconoscono e attaccano in modo fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata sostanze estranee all'organismo. Vengono spesso identificati come "proiettili" sparati da alcuni soldati del sistema immunitario per eliminare virus o batteri che sono entrati nell'organismo Anticorpi monoclonali : anticorpi sintetici derivanti da un solo tipo di cellula del sistema immunitario.

Questi preparati sono in grado di individuare le sostanze presenti sulle cellule neoplastiche oppure le sostanze secrete normalmente dall'organismo che contribuiscono alla crescita delle cellule neoplastiche. Gli anticorpi monoclonali si legano a tali sostanze e in tal modo distruggono le cellule neoplastiche o ne bloccano la crescita.

Milf mature che fanno prostatico

L'anticorpo monoclonale e' come una chiave che entra in una toppa chiamata antigene presente sulla cellula tumorale e soltanto in quella.

Gli anticorpi monoclonali si somministrano per infusione e possono essere usati da soli o fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata trasportare farmaci, tossine e materiale radioattivo direttamente nel tumore. Basta associare all'anticorpo monoclonale un farmaco o - come nella radioimmunoterapia - un isotopo che emette radiazioni ionizzanti, per arrivare a depositare in maniera selettiva sulla check this out tumorale un carico in grado di distruggerla o di identificarla.

Anticorpi radiomarcati : anticorpi realizzati fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata laboratorio allo scopo di emanare radiazioni tramite le sostanze radioattive cui sono legati.

Iniettati nell'organismo, la sostanza radioattiva e' in grado di colpire le cellule neoplastiche. Arteria epatica : l'arteria principale che trasporta il sangue al fegato. Ascite : raccolta di liquido sieroso nella cavita' peritoneale. Basalioma : tumore maligno piu' frequente della cute localizzato prevalentemente al volto e nelle regioni del corpo piu' esposte please click for source luce solare.

E' dotato di crescita molto lenta e non ha tendenza a diffondersi. Sinonimo: carcinoma basocellulare. Bersaglio terapeutico : proteine o geni alterati che causano le malattie e che possono essere colpiti da farmaci su misura, in grado di distinguere tra tessuti sani e tessuti malati.

Biochip : piccola piastra di vetro elettronica che permette di individuare, con una sola analisi, le migliaia di geni attivi in una cellula. Bioinformatica : la scienza dell'informatica applicata alle ricerche biologiche Biologia molecolare : e' l'insieme delle tecniche che hanno permesso lo studio delle alterazioni dei geni che sono all'origine del cancro. Biomedicina : scienza che conduce studi e ricerche nel campo della medicina e in quello della biologia, per trovare nuovi modi di guarire le malattie.

Biopsia : consiste nel prelievo di un campione di cellule o di tessuto che sara' esaminato al microscopio fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata accertare l'eventuale presenza di cellule atipiche. Here quattro tipi di biopsia: biopsia escissionale : prelievo di un nodulo o di una lesione completa sospetta; biopsia incisionale : prelievo di un campione di nodulo o di tessuto sospetto; biopsia percutanea : prelievo di un campione di nodulo o di tessuto sospetto tramite un ago di grosso calibro attraverso la cute; agoaspirato: particolare procedura tramite la quale il prelievo di un campione di nodulo, tessuto sospetto o versamento si esegue tramite aspirazione con ago sottile, anche sotto controllo radiografico o ecografico.

Biopsia chirurgica : prelievo di un campione di tessuto tramite l'uso di un bisturi o di un ago sottile. Il tessuto viene poi analizzato al microscopio per accertare la presenza di eventuali cellule neoplastiche.

Biopsia del midollo osseo : prelievo click un piccolo campione di midollo osseo introducendo un ago nell'osso iliaco o nello sterno.

Il campione sara' esaminato al microscopio per accertare l'eventuale presenza di cellule neoplastiche. Biopsia delle vescicole seminali : prelievo di liquido dalle vescicole seminali le ghiandole che producono lo sperma utilizzando un ago.

Fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata

L'anatomo-patologo analizzera' quindi il campione al microscopio per accertare la presenza di cellule neoplastiche o di altra patologia. Biopsia linfonodale : asportazione totale o parziale di un linfonodo. L'anatomo-patologo analizzera' quindi il campione al microscopio per accertare la presenza di cellule neoplastiche. Biopsia midollare e agoaspirato : aspirazione di un campione di tessuto fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata e di midollo osseo mediante l'introduzione di un ago nella cresta iliaca o nello sterno.

I campioni vengono poi analizzati in laboratorio per accertare la presenza di eventuali cellule neoplastiche. Biopsia transperineale : tecnica di biopsia prostatica, che si esegue introducendo nella prostata un ago sottile attraverso la cute della regione che separa lo scroto dall'ano. Biopsia transrettale : tecnica di biopsia prostatica, che si esegue introducendo nella prostata un ago sottile attraverso il retto, usualmente sotto controllo ecografico.

Bioterapia : v. Brachiterapia : modalita' di radioterapia interna o intracavitaria v. Consiste nell'immissione del radioisotopo v. Bronchiolo-alveolare carcinoma : Poco comune istotipo di carcinoma polmonare Broncoscopia : tecnica diagnostica che consente di visualizzare le strutture interne della trachea e delle vie aeree del polmone, accertando in tal modo la presenza di aree anomale.

L'operatore inserisce delicatamente attraverso il naso o la bocca un tubo flessibile detto broncoscopiodotato all'estremita' di un apparato illuminante, tramite il quale puo' esaminare accuratamente la parte interna dei polmoni. La broncoscopia si esegue di solito in ospedale. Prima dell'esame, vi verra' somministrato direttamente in gola un anestetico locale, per evitare che avvertiate anche il minimo fastidio, tranne forse una certa pressione.

Nella stessa sede l'operatore potra' eseguire una biopsia v. Burkitt read article di : Linfoma Non Hodgkin quasi sempre associato al virus di Epstein-Barr, caratteristico dell'eta' pediatrica e diffuso prevalentemente in Africa centrale. Bypass biliare : tecnica chirurgica che si fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata nel caso in cui il tumore ostruisca l'intestino tenue, con conseguente accumulo di bile nella cistifellea.

Il fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata incidera' la cistifellea, o il dotto biliare, e a colleghera' all'intestino tenue, aggirando in tal modo la parte di intestino ostruita dal tumore Bypass gastrico : tecnica chirurgica che si esegue nel caso in cui il tumore ostruisca il passaggio del cibo proveniente dallo stomaco.

Il chirurgo potra' collegare lo stomaco direttamente all'intestino tenue, consentendo in tal modo al paziente di continuare a nutrirsi normalmente. Da' il nome all'analisi del sangue che misura il livello di tale sostanza. Cancerogeno : qualsiasi elemento fisico, chimico, ambientale che puo' concorrere alla genesi e allo sviluppo del cancro. Cancro : sinonimo di tumore maligno Carcinoide : Tumore poco frequente appartenente al gruppo degli apudomi, localizzato a livello dell'appendice con comportamento spesso benigno oppure meno frequentemente a livello dell'intestino tenue, dei bronchi, del pancreas, del colon e del retto con comportamento spesso maligno.

Il carcinoide puo' secernere serotonina ed altre sostanze, che sono responsabili dell'insieme di sintomi e segni denominato sindrome da carcinoide.

Carcinoma duttale in situ DCIS : forma cancerosa, non invasiva, che origina nei dotti mammari. Le cellule atipiche non si sono diffuse al di fuori dei dotti invadendo altre parti della ghiandola fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata. In alcuni casi, questa forma di tumore puo' evolvere in forma infiltrante, con conseguente visit web page del tessuto circostante, anche se non e' ancora possibile prevedere quali lesioni diventeranno infiltranti; Carcinoma lobulare in situ LCIS : forma di tumore che origina nei lobuli mammari.

fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata

Raramente evolve in forma invasiva; tuttavia, in presenza di tale neoplasia, aumenta il rischio di sviluppare un tumore nella mammella controlaterale. Carcinomi : sono tumori maligni che derivano dalle cellule degli epiteli di rivestimento della cute e fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata apparati come bocca, esofago, stomaco, intestino, fegato, polmone, rene, vescica, pancreas e apparato genitale Cavità pleurica : spazio tra i polmoni e la parete toracica.

Click at this page : antigene carcinoembrionario, una sostanza presente nel sangue che potrebbe fascio esterno vs impianti transperineali per carcinoma della prostata in presenza di un tumore, prima dell'inizio del trattamento. Da' il nome al l'analisi del sangue che misura il livello di here antigene.

Il CEA e' prodotto sia dalle cellule neoplastiche, sia da quelle normali. Se la sua concentrazione e' superiore alla norma, cio' puo' essere il segno della presenza di un tumore del colon o di altre patologie. Cellula : la piu' piccola componente di un organismo vivente che puo' svilupparsi e riprodursiindipendentemente Cellule staminali periferiche : cellule immature da cui originano tutte le cellule ematiche.

Cervice : l'estremita' inferiore e stretta dell' utero v. Chemioembolizzazione dell'arteria epatica : trattamento chirurgico c onsistente nella chiusura dell' arteria epatica il piu' importante vaso sanguigno che alimenta il fegato e nella successiva somministrazione dei chemioterapici tra questo punto di ostruzione e il fegato, usando in tal modo le arterie epatiche per veicolare i farmaci a tutto il fegato.